Procida 2022

Procida 2022: La cultura non isola

Procida è la Capitale italiana della Cultura 2022. È la prima volta che un’isola si fregia dell’ambita nomina, conquistata con un progetto innovativo dal titolo fortemente evocativo: “La cultura non isola”.

«Le rotte ci portano in un luogo, Procida. Potenza di immaginario e concretezza di visione ce la mostrano come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni naturali. Procida è aperta. Procida è l'isola che non isola, laboratorio culturale di felicità sociale».

Vi portiamo alla scoperta delle meraviglie di Procida

Procida è una delle splendide isole che costituiscono il cosiddetto Gruppo partenopeo e che in parte circoscrivono verso occidente il Golfo di Napoli. Sorge a poca distanza da Ischia, da dove si può raggiungere in soli 15 minuti di navigazione, ed è collegata da un sottile ponte alla vicina isola di Vivara.

Le sue coste, basse e sabbiose in alcune zone e a picco sul mare in altre, danno vita a diverse baie e promontori che offrono riparo alle piccole imbarcazioni e hanno permesso la nascita di ben tre porticcioli.

Tante le attrazioni di questo lembo di terra dove il tempo sembra essersi fermato. Una delle più importanti testimonianze della storia politica, militare e urbanistica dell’isola è, senza dubbio, Palazzo D'Avalos, l'imponente edificio sul mare costruito nel ‘500 insieme alle mura dagli architetti Cavagna e Tortelli per volere del Cardinale Innico d’Avalos. Fu Palazzo Signorile e successivamente Palazzo Reale dei Borbone che, nel 1815, lo trasformarono in scuola militare e poi in carcere del Regno con successivi ampliamenti.

Con la costruzione del Palazzo, d'Avalos fece realizzare anche l’attuale ingresso a Terra Murata, il cui borgo era inizialmente accessibile solo dalla spiaggia dell’Asino dopo punta Lingua. Grazie a questo collegamento, si ebbe lo sviluppo urbano dell’isola con la nascita dell’insediamento del borgo della Corricella, la realizzazione del Convento di Santa Margherita Nuova e l’attuale architettura dell’Abbazia di San Michele.

Tra i simboli di Procida, la Chiesa di Santa Maria della Pietà è, insieme a Terra Murata, uno dei primi elementi visibili dal mare a chi approda sull'isola. Eretta nel 1760 sulle fondamenta di una preesistente cappella fondata nel 1616 dai marinai e intitolata a Santa Maria della Pietà, domina con il suo caratteristico campanile barocco la piazza della Marina Grande, il porto principale nonché il centro economico e sociale di Procida.

Qui, lo sguardo dei visitatori è rapito dal suggestivo e variopinto esempio di architettura locale, il cui pezzo più pregiato è l'imponente Palazzo Montefusco, che sorge proprio davanti al molo di approdo. Detto anche Palazzo Merlato, per via della splendida merlatura che lo caratterizza, questo edificio del XII secolo è stato un tempo la residenza estiva del re.

L'isola di Procida è molto apprezzata anche per le sue spiagge, tra cui quella della Corricella, situata sulla costa nord orientale, accanto al pittoresco borgo marinaro omonimo, alla quale si accede tramite una rampa di scale scavata nel tufo; la spiaggia della Chiaiolella, sulla costa occidentale dell'isola, dal fascino selvaggio, caratterizzata da un lungo litorale orlato da aspre scogliere rocciose; la spiaggia del Pozzo Vecchio, ribattezzata la 'Spiaggia del Postino', perché qui è stata girata una delle scene più romantiche del celebre film con Massimo Troisi; infine, tra le più rinomate c'è la spiaggia della Chiaia, chiusa in una piccola baia che la ripara e protegge, dominata dal famoso castello di Procida.

Tour e gite organizzate per Procida

L'Hotel Parco delle Agavi e l'Hotel Albatros organizzano per i propri ospiti gite diurne e serali da Ischia a Procida, con guide specializzate che porteranno i visitatori alla scoperta dei luoghi più suggestivi dell'isola eletta Capitale italiana della Cultura 2022.

Prenota prima per garantirti un posto
next

prenota